Per una moneta fiscale gratuita

Come uscire dall’austerità senza spaccare l’Euro. Presentazione dell’ebook edito da Micromega.

Per una moneta fiscale gratuita
Mercoledì 22 luglio, ore 15.30, Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro, piazza Capranica 72 – Senato della Repubblica, Roma.
Il Crs – Centro Riforma per lo Stato promuove un confronto tra gli studiosi e i parlamentari per discutere della proposta contenuta nel libro. Si tratta della possibilità di rilanciare  l’economia italiana con una manovra monetaria e fiscale espansiva e democratica, decisa autonomamente dal Parlamento e dal governo italiano, senza tuttavia contravvenire i trattati e i regolamenti vigenti nell’eurozona. E’ possibile istituire una nuova Moneta Fiscale per fare crescere l’economia italiana soffocata dalla mancanza di ossigeno monetario?
Saranno presenti i curatori del libro Biagio Bossone, Marco Cattaneo, Enrico Grazzini, Stefano Sylos Labini e Luciano Gallino, autore della prefazione e promotore dell’appello sulla Moneta Fiscale.
Intervengono: Paolo Guerrieri, Stefano Fassina, Danilo Barbi, Emiliano Brancaccio, Salvo Spagano, studiosi, esperti e parlamentari. Modera il dibattito Giacomo Russo Spena.
Per prenotare l’accesso, inviare una mail a crs-info@dol.it o telefonare al 0667064260/066879953 entro il 20 luglio p.v. Per gli uomini è obbligatario indossare la giacca e la cravatta. Si raccomanda puntualità. L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

1 commento

  1. Micalizzi Giovanni

    dalla prefazione di Luciano Gallino dell’ebook edito da Micromega “Per una moneta fiscale gratuita Come uscire dall’austerità senza spaccare l’euro “:
    “…Al tempo stesso accade che le banche private abbiano conservato intatto il potere di creare denaro dal nulla erogando crediti o emettendo titoli finanziari negoziabili.”

    Sorge spontanea una domanda agli autori :

    Perché le banche private greche come la http://www.piraeusbank.gr e http://www.alpha.gr/ non creano denaro dal nulla come dite che fanno le banche private europee degli altri paesi e chiedono continuamente il salvataggio alla BCE?

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This