Università futura. Tra democrazia e bit

Giovedì 23 febbraio a Roma la presentazione del volume di Juan Carlos De Martin promossa dal CRS. Insieme all’autore intervengono Batini, Raparelli, Rossi e Tocci. Appuntamento alle ore 16 nella Sala ISMA del Senato

Università futura. Tra democrazia e bit

Giovedì 23 febbraio, dalle ore 16 alle 19, presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro (ISMA), in Piazza Capranica 72 a Roma, il CRS promuove la presentazione del volume:

“Università futura. Tra democrazia e bit”, di Juan Carlos De Martin (Codice, 2017, 176 pp., 16 euro)

Formare non solo lavoratori, ma anche e soprattutto cittadini. Per aiutare la società ad affrontare democraticamente le grandi sfide che ci attendono.
Abbiamo di fronte cinque sfide da cui dipende il futuro dell’umanità: ambientale, tecnologica, economica, geopolitica e democratica. Sfide a cui si aggiunge, per noi italiani, quella rappresentata dal futuro sempre più incerto del nostro paese. Su quali principi dovrebbe basarsi l’università per aiutare la società ad affrontare questi problemi? Più in generale, cosa potrebbe fare per le persone e la conoscenza? Quali metodi, quali aspetti è bene che restino invariati, e quali potrebbero invece beneficiare della rivoluzione digitale? Dopo oltre vent’anni focalizzati sugli aspetti economici della missione dell’università, è ora di riscoprirne le radici umaniste e di portarle nel ventunesimo secolo.

Partecipano

Carlo Batini, Università di Milano Bicocca. Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione
Juan Carlos De MartinPolitecnico di Torino. Centro Nexa su Internet e Società
Francesco Raparelli, Libera Università Metropolitana
Paolo Rossi, Università di Pisa
Walter Tocci, Senatore della Repubblica

Qui la locandina

Si prega di comunicare la propria partecipazione entro il 20 febbraio al seguente indirizzo di posta: roberto.angelini@senato.it

La presentazione è pubblica e aperta a tutti coloro che lo comunicheranno in tempo utile.
Per gli uomini è obbligatorio indossare giacca e cravatta. L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

1 commento

  1. ANDREINA CARONNA

    parliamo di umanita’!!!

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This