2/2005 – Per una riforma della giustizia

Il numero 2/2005 – Per una riforma della giustizia di Democrazia e Diritto

2/2005 – Per una riforma della giustizia

2/2005 - Per una riforma della giustiziaQuesto numero di Democrazia e diritto si pubblica dopo un particolare affollarsi di processi e di eventi politico-istituzionali: la faticosa messa a punto della preparazione dell’Unione alla campagna elettorale del 2006 con l’obiettivo dell’accesso al governo del paese; le vicissitudini dei rap-porti tra le sue componenti, che sembrano ora composte con la decisione di indire per l’ottobre 2005 le elezioni primarie; il consolidarsi anche nelle province e nei comuni dove si è votato di una prevalenza di maggioranze di centrosinistra già vistosamente affermatesi nelle regioni; il combattuto (e fallito per mancanza del quorum) referendum sulla legge per la procreazione assistita; sul piano internazionale, il proseguire delle situazioni di crisi e di guerra in Iraq, in Afghanistan, in Palestina e altrove; da ultimo, ma non certo ultime per importanza, le vicende dei referendum negativi sul Trattato costituzionale europeo in Francia e Olanda e l’acutizzarsi dei contrasti sulla gestione europea corrente.

Non tutti questi eventi sono qui oggetto di esame: una rivista che accompagna gli avvenimenti in campo politico-istituzionale ma lo fa sul piano di una riflessione di lungo periodo non può pretendere di commentare ciascuno di essi; tuttavia più d’uno trova considerazione in questo fascicolo, secondo un programma in parte delineato in precedenza e in parte aggiornato per via, dove era possibile farlo con le nostre disponibilità.

Il nucleo maggiore di questo fascicolo attinge al seminario Tutela dei diritti e tempi della giustizia, organizzato il 24 maggio scorso, a Roma, dal Crs su proposta di Luigi Berlinguer, e raccoglie nella rubrica Proposte per una riforma della giustizia – con l’intenzione di continuarne la pubblicazione sul prossimo numero – scritti di vari autori, docenti e magistrati, derivati dalle relazioni da essi svolte in quell’occasione, che contengono significative proposte di riforma della giustizia, mirate soprattutto (ma non soltanto) ad assicurare ai processi una durata ragionevole. Si coglie così uno dei punti maggiori di crisi del nostro sistema di tutela, sia per quanto riguarda il campo, oggetto di diffusa considerazione, della giustizia penale, sia anche e più estesamente per ciò che attiene alla giustizia civile, le cui disfunzioni, del resto, hanno dato luogo di recente a fin troppi interventi del legislatore. In questo modo pensiamo di portare tra l’altro un contributo al dibattito in corso in vista del programma dell’Unione, come già abbiamo fatto con il n. 1 del 2005 della rivista dedicato a Idee per un programma di governo, dato che i problemi studiati richiedono in parte, peraltro non unicamente, la responsabilità della poli-tica e della legislazione.

In prosecuzione diretta del numero precedente, alcuni articoli di questo intervengono su altri temi che figurano in quel dibattito: con un saggio concernente proposte, decisive in questa situazione di grave crisi economica del paese, in materia di politica economica; uno scritto che riprende in forma esplicitamente propositiva l’altra capitale tematica dei rapporti di lavoro, già oggetto del nostro n. 3 del 2004; e un ulteriore contributo sulla ricerca, che getta una forte luce, con un particolare riferimento a un settore fondamentale quale la fisica, sia sulla grave situazione attuale che sulle possibilità di uno sviluppo futuro.

Le altre rubriche sono rispettivamente dedicate agli itinerari istituzionali in materia finanziaria e alle recenti elezioni regionali; all’Unione europea, su cui la nostra riflessione allinea un intervento di prima reazione agli eventi più recenti, un’analisi più distesa dedicata alle modifiche al Patto di stabilità e una presa di posizione estremamente critica sui contenuti e le forme del trattato costituzionale sul quale avevamo già espresso opinioni diversificate e un bilanciato orientamento soprattutto nei nn. 2 del 2003 e 4 del 2004; inoltre ad alcune letture, esse stesse riguardanti l’Europa.

Indice

Presentazione

Proposte per una riforma della giustizia

  • Luigi Berlinguer, I tempi della giustizia: una priorità assoluta
  • Mario Dogliani, La categoria del tempo ragionevole nella formazione del giurista e nei programmi di riforma della giustizia
  • Stefano Anastasia, Obbligatorietà dell’azione penale: effettività della norma, efficacia del principio
  • Gianfranco Gilardi, L’efficienza del processo civile tra profili di organizzazione e riforme processuali
  • Elisabetta Silvestri, La tutela dei diritti nella prospettiva della conciliazione e della mediazione
  • Nello Rossi, Il nucleo professionale di un nuovo ordinamento giudiziario: valutazione e selezione dei magistrati, direzione degli uffici
  • Claudio Viazzi, Quale futuro per le magistrature onorarie?
  • Vincenzo Ferrari, L’avvocatura in un progetto di riforma del servizio giustizia idee per un programma di governo
  • Roberto Schiattarella, Governo di centrosinistra e politica economica
  • Giuseppe Bronzini, Generalizzare i diritti o la subordinazione? Appunti per il rilancio del diritto del lavoro in Italia (leggi sul sito)
  • Carlo Maria Bertoni, Lo sviluppo della ricerca, la ricerca per lo sviluppo. Per una scelta tardiva ma indilazionabile

Ititinerari istituzionali

  • Domenico Fruncillo, Riflessioni sulle elezioni regionali
  • Marcello Degni, Il dopo Tremonti: la deriva continua (II)

Europa

  • Umberto Allegretti, Europa, che fare? (leggi sul sito)
  • Luciano Patruno, Il «nuovo» Patto di stabilità e crescita tra rilegittimazione istituzionale europea e consenso nazionale
  • Andrea Colelli, La parola senza la realtà. Il trattato «costituzionale» alla prova di talune popolazioni europee

Percorsi di lettura

  • Beppe Foglio, Il suicidio e la salvezza. Sulla costruzione dell’Europa: leggendo due libri recenti (leggi sul sito)

Acquista il singolo numero

Acquista il singolo numero della rivista Democrazia e Diritto sul sito dell’editore: http://www.francoangeli.it/riviste/sommario.asp?IDRivista=116&lingua=it

Abbonati alla rivista

Per sottoscrivere un abbonamento a Democrazia e diritto, è sufficiente versare l’importo di euro 91,50 tramite bonifico bancario a: FONDAZIONE CRS Banca di Credito Cooperativo Agenzia di Roma – 21 IBAN: IT07Z0832703221000000002932 Causale: Abbonamento DeD 2014 Puoi comunicarci l’indirizzo per la spedizione della rivista inviando una e-mail all’indirizzo crs-info@dol.it

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This