Buon Natale

Gli auguri di Buon Natale del Presidente del Centro per la Riforma dello Stato Mario Tronti

Buon Natale

mario_trontiCari amici, care amiche,

come ogni anno, secondo, ormai, tradizione, invio un testo adatto alle prossime festività. Si tratta di una Postfazione a una raccolta di scritti di Giuseppe Stoppiglia, una persona straordinaria, che ho avuto occasione di conoscere personalmente, e con cui rimango in costante contatto: in passato prete operaio, oggi e da tempo animatore dell’associazione Macondo in quel di Bassano del Grappa. Uno degli “invisibili”, che piacciono a noi. E’ un mio scritto, ma lo invio, perché anch’esso sarà invisibile, cioè introvabile.

Buon Natale

Mario Tronti

Prendete il primo scritto, lettera agli amici di Macondo, aprile 2010. L’inizio : << L’uomo anziano, piccolo e magro, vacillò davanti alla chiesa del Carmine e si sedette adagio sul gradino, in silenziosa e composta dignità >>. Poco più sotto, il ricordo è di Simone, un giovane di 26 anni, << che incontrai due anni fa a Bologna, in una domenica d’agosto, alla festa dell’Unità, dove ero relatore a un dibattito sul volontariato >>. E di questi avvicinamenti coinvolgenti a un’umanità dimenticata, ne troverete a decine. Questo è un libro di incontri. Don Giuseppe ti prende per mano e ti conduce a conoscere, a riconoscere, persone. Mai come in questo caso è opportuna la parola “persona”: gli ultimi, i piccoli, gli abbandonati, gli esclusi. Il tipo di umanità che il Vangelo ci ha insegnato a guardare con gli occhi del cuore e a frequentare con l’assillo del fare. E’ incredibile quante di queste persone compaiono, irrompono, negli scritti qui raccolti. Me lo immagino Giuseppe che cammina per le strade e guarda, si ferma, torna sui suoi passi, perché ha scorto una sofferenza, un disagio, una solitudine, o anche solo una particolarità, un modo d’essere diverso e si apre, parla, fa parlare, guarda dentro, per capire. Non è l’aiuto la prima cosa che dà, quello viene dopo. Prima di tutto, si mette a quel livello, non scende, sale verso quelle persone. Diventa, lui stesso, quella persona lì. E c’è uno scambio alla pari. I due che si incontrano si riconoscono, come se si fossero già conosciuti. Scrive: << A me piace, incrociando persone sconosciute, che mi sorridano per strada e mi salutino, così come facevano un tempo i viandanti che s’incrociavano in campagna…. E’ bello vedere il viso dell’altro, e dell’altra, che si apre, che si illumina, in un’irradiazione istantanea di fiducia e di simpatia >>. Questo compagnonnage, che una volta era delle città-fabbrica, dove gli operai lavoravano e vivevano insieme, ora sembra rimasto solo nella piccola campagna, anche se non più contadina: perduto, del tutto perduto, negli alveari della grande città, dove non ci si conosce con il vicino di appartamento. Anche a me capita, camminando per i sentieri delle colline umbre di scambiare saluti e sorrisi con sconosciuti, o di fermarmi a conversare con i vecchi compagni, che mi chiedono di politica e di partito. E mi viene spontaneo mettere questo in relazione con le contrastanti abitudini invalse nell’urbanizzazione e nella tanto decantata modernizzazione. << Sui treni si parla al telefono con i lontani e non ci si degna di uno sguardo per i vicini. Lungo le strade si passa accanto al prossimo come si passa vicino a un muro >>. La stessa cosa accade nei mezzi pubblici pur affollati. E’ vero che è così bello sedere e guardare il volto dell’altro, e dell’altra, ognuno diverso. Ebbene, non è più possibile: non riesci a incrociare lo sguardo, perché gli occhi di ciascuno sono fissi sul proprio cellulare. Questi scritti evocano, raccontano, descrivono, una condizione umana critica, dei singoli, delle unioni, delle famiglie, una condizione che investe la collettività e da questa ritorna, aggravata, sulla vita dei singoli, delle unioni, delle famiglie. Ma, ecco, la speranza sta e va colta nella disperazione di chi soffre sulla propria carne la crisi del tempo e non sta, e va detto, nella tranquillità e nella indifferenza di chi non si accorge di nulla. Questo dicono le lettere di Macondo e gli articoli di Madrugada. Qui trovate scritto: << Non consolare chi cerca consolazione…., lavorare piuttosto sulla disperazione, come passaggio obbligato della speranza >>. Proposito preceduto dalla dichiarazione di un punto di vista, da una vera e propria scelta di campo: << La condanna dei ricchi e dei potenti è stato il motivo conduttore della mia e penso anche della vita di molti miei lettori. Ho lottato per creare giustizia contro l’iniquità della povertà e della sofferenza sociale. Ho cercato di costruire, assieme ad altri, un rapporto intenso con i dannati della terra, ma nello stesso tempo ho sentito il desiderio urgente di superare quella soglia >>. Superare, nei confronti di quei mondi, una modalità di azione puramente assistenziale, appunto consolatoria, pur importante e necessaria, che altre persone e strutture giustamente fanno, e invece piuttosto assumere l’impegno, la prova, il rischio, della condivisione, non escludendo, quando si presenta il caso, la partecipazione alle lotte di liberazione da quella condizione. I preti operai non hanno concluso la loro missione, con la fine della società centrata sull’industria. L’oppressione, l’alienazione, lo sfruttamento si sono estesi oggi a tutto intero il lavoro sociale, aggrediscono drammaticamente chi non riesce nemmeno a lavorare, puniscono quotidianamente il lavoro precario, provocano sacche di emarginazione non più solo, lontano da noi, nelle periferie del mondo, ma nelle periferie metropolitane delle nostre mostruose città, allargano e approfondiscono il divario tra ricchi e poveri, qui, davanti ai nostri occhi, nel giardino dell’Occidente. Saper guardare diventa allora a questo punto la cosa essenziale. Guardare in fondo, e dietro, le esistenze che ci capita di incontrare. Perché quanto appare e brilla in superficie non è il vero che c’è, ma il falso che ci viene presentato. C’è in queste pagine un bagno di realtà. E’ la passione per l’essere umano che guida il percorso di queste pagine, ma, appunto, con il realismo dello sguardo, non con la perdita di tempo della parola. La passione deve essere certo anche com-passione. Stando sempre attenti però a non cadere nel compassionevole. E’ un esercizio, di pensiero e di scrittura, arduo. Giuseppe lo fa con la leggerezza profonda che gli consegna il suo carattere aperto al mondo, disponibile al fuori di sé, allegro perfino nell’inquietudine, fiducioso che le cose possono cambiare, se non ci lasciamo prendere dalla rassegnazione del così è sempre stato, se oltre che acuti osservatori impariamo ad essere, e a diventare, abili agitatori, se riusciamo a trasmettere alle nuove generazioni la bellezza delle nostre vite – mi azzardo a dire le nostre, perché le vedo in fondo molto simili – dedicate al conflitto e al pensiero: conflitto con lo stato presente delle cose e libero pensiero sui mondi della vita. C’è qui un bel ritratto dell’autore di queste pagine, apparso su “Conquiste del lavoro”, della Cisl, nel marzo 2012. Da leggere: << Giuseppe Stoppiglia è un prete che non sembra un prete. Ha fatto il sindacalista, il missionario, il formatore. Ha fatto di tutto. Ma è rimasto fondamentalmente, profondamente, convintamene un uomo di Dio >>. E da leggere è il commosso e commovente ritratto che, nel dicembre del 2013, Giuseppe fa del comune amico Pietro Barcellona: veramente un compagno di viaggio, “viandante della modernità”, che ci ha lasciato più soli, ma anche più determinati a continuare sul suo cammino. << Dentro la sua bisaccia, aveva collocato l’essenziale: la riflessione, sempre, l’amore alla gente, la sua disponibilità per tutto e per tutti, la conoscenza del proprio tempo,la comprensione del proprio paese e l’aspirazione al futuro >>. Ho sempre pensato che le persone giuste, a un certo punto, misteriosamente si incontrano. Occorre solo educare i nostri occhi ad essere capaci di riconoscere, come i discepoli di Emmaus quando “Gesù in persona si accostò e camminava con loro” ( Lc 24, 15-16 ). Con difficoltà, ma poi riconobbero. Camminare, non correre, camminare. Si cammina benissimo a Pove del Grappa. << La mattina presto, la sera, durante la notte, d’estate, in primavera, in autunno, d’inverno >>, da soli, risalendo sentieri, che si inerpicano in mezzo ai boschi. Scorgere “un’unghia di luna”, farsi sorprendere dai “teneri e vivi colori del giorno appena nato”, “ogni aurora diversa e sempre nuova”. Anche questo è Giuseppe Stoppiglia: stare in pace con madre natura, con la benevolenza delle sue risorse, per meglio stare in guerra, guerra nonviolenta, con le brutture attuali della società. << L’Italia di oggi largamente succube della cialtroneria morale e dell’abuso politico canagliesco >>, che ci fa vergognare e soffrire, che vede << un tempo di atei devoti e di religiosi senza fede >>, dove tecnica e mercato fanno da padroni assoluti, dove individualismo proprietario e dittatura del denaro sconvolgono le vite di tutti, di chi vince e di chi perde nella lotta quotidiana. Non si combatte tutto questo con l’antipolitica, con la facile polemica anti-casta. Trovo straordinaria questa lucida, e così rara, consapevolezza circa i rimedi alla situazione. A un certo punto si dice: occorre “ritornare alla Politica”, giustamente scritta con la maiuscola. E lo si dice in occasione della scelta del tema per la Festa di Macondo del giugno 2012: Attenti alle utopie, perché esse avvengono. << Alla base delle attività di Macondo c’è, prima di tutto, la ricerca di una spiritualità che accompagni e orienti il vivere quotidiano >>. L’esempio di comportamento, nella stessa lettera del dicembre 2011, ha il sapore di quell’intensità concreta, che è caratteristica dell’intera esperienza di questa Associazione per l’incontro e la comunicazione tra i popoli. E’ il gesto del papà, o della mamma, o dei nonni, che tengono il sellino del bambino che impara ad andare in bicicletta senza le ruotine, finché il bambino va via da solo e lo si rincorre appena, se necessario, per sostenerlo. La Politica è questo, è anche questo: fare in modo che ognuno arrivi a pensare liberamente con la propria testa, e allora lasciarlo andare da solo finché arrivi ad incontrare gli altri come lui. Ma per questo ci vuole una risorsa essenziale, che trovo espressa in una formula che non a caso commenta quello che è stato detto “l’inedito attuale”. La formula, il programma, l’intento, l’obiettivo, lo strumento: “una fede indignata”. Forse è tutto qui. Ma ce n’è abbastanza per riempire una buona vita, come quella che questi scritti raccontano.

Mario Tronti

Scarica in formato pdf: Stoppiglia.pdf.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This