La Rassegna Stampa del CRS

La nostra selezione di articoli pubblicati tra l’8 e il 14 luglio. INTERNAZIONALE: coronavirus, contagio in Africa, Somalia, Uganda, Sudan, Libia, Burundi, Costa d’Avorio, Malawi, Amazzonia, Perù, Repubblica Domenicana, Messico, USA, UE, Germania, Polonia, Serbia, Macedonia del Nord, Turchia, Israele e Palestina, Siria, Iran, Afghanistan, Qatar, Myanmar, Singapore, Cina, guerra fredda, jihad e land grabbing, massacro di Srebrenica. NAZIONALE: coronavirus, governo e democrazia, Election Day, politiche in Libia, caso Shalabayeva, rapporto con l’Europa, MES, ricostruzione economica, sanità, capitale umano, bassi salari, lavoratrici sfruttate, sindacati e imprese, ricerca pubblica, scuola, asili nido, decreto semplificazione, concessione autostrade, Mose e grandi opere, Roma, Milano, Mattarella e Pahor a Trieste, attacco al paesaggio sardo, ddl Zan, decreti sicurezza, migranti, razzismo, Salvini e il PCI, leadership e partiti. CULTURE: il pensiero al tempo del coronavirus, astrobiologia, riconversione ecologica, il bene comune, capitalismo della sorveglianza, statue giuste, razzismo e colonialismo, Narodni dom, lotte emancipatorie e di classe negli USA, Il crimine del Congo, Venera nera, femminismo, omotransfobia e ddl Zan, libertà d’espressione, Banksy, transclasse, Ennio Morricone

Lo specchio deformante

Ida Dominijanni analizza le conseguenze della sospensione della Convenzione europea dei diritti umani decisa da Erdogan. Il ruolo silente dell’Unione Europea mostra una distanza tra la legittimità popolare e il rispetto dei vincoli internazionali cui è chiamato un capo di stato

Muri di impotenza

Né i ferri spinati né le polizie violente riusciranno a ristabilire quei confini che la spinta della necessità e il desiderio di libertà continueranno ad abbattere, e nessun muscolo identitario serrato a protezione dell’io o del “noi” riuscirà a evitare il contagio inevitabile, e salutare, con l’altro e con “loro”. Un contributo di Ida Dominijanni.