Una tenda, un velo

A cinque anni dalla scomparsa di Pietro Ingrao, il 27 settembre 2015, lo ricordiamo con il breve scritto apparso nel maggio del 1994 nel nono fascicolo monografico su L’Aldilà della rivista annuale «Legenda», edita a Milano da Trachinda Editori

Una tenda, un velo

Noi immaginiamo l’Al di là.

Immaginare è dire: dunque linguaggio: il linguaggio nostro dell’Al di qua. Vorremmo varcare, spingerci oltre. Ma siamo serrati. Può esserci qualcuno che ci liberi?

Ma liberazione è compimento. Nell’istante in cui cessiamo come potremmo spingerci oltre?

O trasmutazione? Divenire? Pensarlo questo permanere e mutare, questo cielo che trasmuta. C’è una alterità con cui entriamo in rapporto: una compresenza nell’istante dello scomparire? L’aneliamo e stringiamo, abbracciandola nella nostra parola. Sempre, nominandola, cerchiamo di stringerla. Tentiamo di spingerci d’un soffio al di là.

Ma si può stringere un al di là dell’umano, noi essenti nell’umano?

Dovrebbe farsi un grande totale silenzio, e sospendersi le parole, assorti nell’attonito, più sottile dell’appannarsi di un pensiero.

L’Al di là è l’istante della sospensione serale che sempre si dà quando discostiamo un velo, una tenda che sporge sul vuoto. Ma sporgersi sulla finestra è uscire da noi. Come si può stare in noi fuori di noi?

Dunque l’Al di là è un posare la mano sulla tenda. Poi qualcuno ci chiama dalla porta. E ci conduce via.

Bisognerebbe chiederlo alla morte, dell’Al di là. Nessuno ha mai conosciuto la morte. L’Al di là, forse, è la nostra interrogazione sulla morte. Non lo diciamo a nessuno. Vorremmo sorprendere la morte nell’angolo, acquattata. Senza dirlo. Senza dircelo: mai.

In fondo l’Al di là è una domanda sospesa.

Qui il PDF

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This